Si possono prevenire le otite con chewing-gum?

L’uso del chewing-gum, favorendo il riflesso della deglutizione e di conseguenza l’apertura delle tube di Eustacchio, può presumibilmente prevenire le otiti poiché favorisce in questo modo il drenaggio delle secrezioni dall’orecchio medio. Lo zucchero contenuto nei chewing-gum può però controbilanciare questo effetto positivo perché favorisce la crescita di batteri. Tuttavia non tutte le gomme americane sono uguali: esiste almeno uno studio nella letteratura medica che dimostra come l’uso regolare di un chewing-gum contenente lo xilitolo come dolcificante previene quasi del 50% l’incidenza di otiti.

Lo studio, eseguito da medici finlandesi, ha messo a confronto 306 bambini, di età compresa tra i due e i cinque anni, con problemi di otiti ricorrenti dividendoli in due gruppi: al primo venivano date gomme americane contenenti zucchero e al secondo chewing-gum con xilitolo (nella quantità di 8,4 grammi al giorno). Le gomme americane venivano distribuite 5 volte al dì, dopo tutti i pasti e i vari snacks, in numero di due pezzi per volta. Lo studio, che è durato due mesi, ha dimostrato come i bambini che masticavano chewing-gum con xilitolo presentavano quasi il 50% di otiti in meno (il 12% contro il 21%). Due bambini del gruppo che aveva assunto lo xilitolo manifestarono diarrea, un ben conosciuto effetto collaterale di molti dolcificanti.

I risultati di questa ricerca si spiegano con il fatto che lo xilitolo possiede una attività di inibizione nella crescita dei batteri. Alcune ricerche di laboratorio hanno dimostrato che lo xilitolo riduce la crescita dello Streptococcus pneumoniae, uno dei principali batteri responsabili dell’otite media acuta. Lo xilitolo presenta inoltre una efficace azione nel prevenire la formazione della carie perché inibisce la crescita dello Streptococcus mutans, che ne è il principale germe responsabile.